collaborations

Enrica Borghi per Nuova Mini Plastic

La collaborazione fra Nuova Mini Plastic ed Enrica Borghi è iniziata proprio quest’anno, in occasione dell’anniversario aziendale.

Questo incontro ha fatto nascere opere insolite, nuove, affiancandole ad installazioni già consolidate per l’artista piemontese. La capacità di Enrica è stata quella di far nascere, dai prodotti “usuali” di NMP, insospettate nuove interpretazioni, ricche di fascino.

Un grande impatto sono le "corazze" che vestono ipotetiche ragazze guerriero, oppure "le meduse" pezzi già realizzati dalla Borghi per la sensibilizzazione verso il mare, tema "eco" che ha trovato la giusta corrispondenza con la filosofia aziendale. "Le meduse" faranno bella mostra presso la sede dell'azienda e nelle esposizioni fieristiche dove, da sempre, NMP è presente.

Quando l’arte incontra l’industria e le sensibilità si mescolano, si possono ottenere risultati veramente di grande effetto con soddisfazione per entrambe le parti.

collaboration1
collaboration2
collaboration3
collaboration4
collaboration5
collaboration6
collaboration7
collaboration8

Enrica Borghi

Enrica Borghi oggi vive e lavora sulle colline del Lago d’Orta. Si diploma in Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, a Milano, nel 1989. è Fondatrice e Presidente dell’Associazione Culturale Asilo Bianco che si occupa di valorizzazione del territorio.
Tra le numerose personali ha esposto al Castello di Rivoli, alla Galleria d’Arte Moderna di Bologna, al MAMAC di Nizza, al Musée des Beaux-Arts di Bordeaux e all’Estorick Collection di Londra, ricordiamo inoltre l’installazione "Luci d'Artista" a Torino, presente dal 1998 con Palle di Neve.
Artista poliedrica, eclettica e molto originale, dalla cifra stilistica inconfondibile, Enrica Borghi lavora soprattutto con i materiali di scarto, ridando vita e bellezza a oggetti destinati a essere gettati nei rifiuti. Nella sua indagine ha un ruolo di rilievo l’universo femminile, da lei esplorato come immaginario estetico ma anche nelle pratiche e nelle ritualità. Le sue opere sono frutto di processi “alchemici” capaci di trasformare semplici contenitori di plastica in oggetti seducenti.

Visita il suo sito Web